Sensori per il settore Food and Beverage - Contrinex Italia
Home > Soluzioni > Food and Beverage > Il sensore fotoelettrico Miniature certificato Ecolab rileva

Share |

Il sensore fotoelettrico Miniature certificato Ecolab rileva la presenza di porzioni di formaggio in una linea di trasformazione ad elevata produttività

Durante la produzione in grandi volumi di formaggi confezionati singolarmente, i nastri trasportatori convogliano il prodotto alle stazioni di confezionamento. Le stazioni di accumulo in linea regolano il flusso per adeguarsi alla velocità delle linee di confezionamento; i sensori Miniature certificati Ecolab rilevano la presenza di ciascuna porzione dopo le stazioni di accumulo, attivando il ciclo di confezionamento. I parametri di sensibilità per ciascun formato, archiviati nella memoria interna del sensore, possono essere aggiornati a distanza senza l’intervento manuale dell’operatore, eliminando la necessità di disinfezione tra i lotti.

Vantaggi per il cliente

·         I sensori certificati Ecolab sono ideali per impianti di produzione che devono rispettare le norme igieniche

·         Ampio campo di lavoro adatto a una gamma completa di formati

·         I parametri di sensibilità sono richiamati o aggiornati a distanza tramite IO-Link

·         La disinfezione tra i lotti diventa superflua

·         La semplice procedura di apprendimento a una o due fasi ottimizza l'impostazione iniziale del sensore

·         L'allarme di stabilità evidenzia il calo di sensibilità, evitando arresti non pianificati

·         I tempi di fermo vengono evitati in quanto i tecnici non devono accedere alle macchine

Vantaggi specifici del prodotto

·         Sensori fotoelettrici certificati Ecolab con modalità di soppressione dello sfondo

·         Protocollo di connessione seriale IO-Link abilitato su versioni PNP senza costi aggiuntivi

·         Parametri di sensibilità archiviati nella memoria integrata del sensore

·         Rilevamento remoto della sensibilità o aggiornamento tramite IO-Link

·         Sensori robusti con custodia in plastica miniaturizzata (20 x 30 x 10 mm)

Applicazione del cliente

Un'azienda svizzera specializzata in prodotti caseari di alta qualità produce formaggi in porzioni confezionate singolarmente in un impianto per volumi elevati che deve sottostare alle rigide norme igieniche dell'industria alimentare. Una volta tagliate nel formato previsto, le porzioni di formaggio giungono tramite un convogliatore di grado alimentare a una stazione di confezionamento; la durata del ciclo di confezionamento dipende dal tipo di formaggio e dalla dimensione della porzione.

A monte del confezionamento, una stazione di accumulo regola il flusso delle porzioni con una spaziatura predeterminata in base alla velocità delle linee di confezionamento. Le due operazioni devono essere sincronizzate; pertanto l'azienda richiede un sistema di sensori che rilevi la presenza di ciascuna porzione di formaggio quando lascia la stazione di accumulo, avviando il ciclo di confezionamento.

I sensori devono essere certificati per grado alimentare e devono resistere agli agenti aggressivi utilizzati durante le procedure di washdown. Devono inoltre gestire l’intera gamma di formati senza richiedere una regolazione manuale, che obbligherebbe a una sanificazione a ogni cambio formato. Massimizzare la produttività è un'altra priorità; la rapidità di cambio lotto è essenziale.

Soluzione del cliente

I sensori fotoelettrici a tasteggio con soppressione di sfondo certificati Ecolab della famiglia C23 di Contrinex sono ideali per questa applicazione. Questi dispositivi cubici in miniatura, installati sopra i trasportatori subito a valle di ogni stazione di accumulo, rilevano il passaggio delle porzioni di formaggio. Il posizionamento dei sensori è semplice grazie alle staffe di fissaggio regolabili in acciaio inossidabile.

L’uscita standard normalmente aperta di tipo PNP con un connettore M8 garantisce una flessibilità ottimale. IO-Link, un protocollo di collegamento seriale standardizzato punto-punto per sensori e attuatori, è inoltre presente sulle versioni PNP senza costi aggiuntivi e offre i vantaggi della comunicazione digitale senza la necessità di ricorrere a cablaggi speciali. Una seconda uscita genera un allarme di stabilità in caso di sensibilità ridotta, evidenziando la necessità di un intervento di manutenzione preventiva prima di arrivare al degrado delle prestazioni.

La robusta struttura del sensore, dotata di custodie in plastica miniaturizzate (20 x 30 x 10 mm), assicura un funzionamento affidabile nei difficili ambienti sottoposti a washdown; i dispositivi Contrinex C23 infatti hanno grado di protezione IP67. Un campo di rilevamento compreso tra 15 e 250 mm, regolabile tramite un pulsante di apprendimento o tramite IO-Link, gestisce qualsiasi formato senza compromessi.

Una breve procedura di apprendimento a una o due fasi semplifica la configurazione iniziale. Il funzionamento a un solo pulsante consente agli ingegneri di processo di acquisire l’oggetto target, ed eventualmente lo sfondo, ogni volta che viene introdotto un nuovo formato. Una volta appresi, i parametri di sensibilità vengono salvati nella memoria integrata del sensore e possono essere recuperati o aggiornati a distanza tramite IO-Link, eliminando la necessità di regolazione manuale.

Questi robusti sensori miniaturizzati soddisfano le esigenze del cliente perché assicurano un funzionamento affidabile con interventi manuali ridotti al minimo ed evitano disinfezioni non pianificate. La soluzione è molto conveniente e assicura tempi di fermo minimi; la produzione rispetta o supera i livelli previsti.


Powered by Mk Media - Sitemap - rss RSS